Home Bacheca
Bacheca: avvisi e articoli

Novità in Libreria
  Merleau-Ponty e l'estetica oggi

a cura di Mauro Carbone, Anna Caterina Dalmasso, Elio Franzini

 

mrl_p_est_auj_1.png

 

 

In occasione del cinquantesimo anniversario della morte di Merleau- Ponty, nel 2011, ha avuto luogo presso l’Università degli Studi di Milano un convegno internazionale bilingue intitolato Merleau-Ponty e l’estetica oggi / Merleau-Ponty et l’esthétique aujourd’hui. L’estetica menzionata nel titolo era da intendersi secondo quella sua ambiguità costitutiva di filosofia del sentire da un lato e delle arti dall’altro che Merleau-Ponty ha sempre fecondamente coltivato. A riflettere sui connotati di tale ambiguità nel nostro “oggi” erano stati invitati non solo specialisti del pensiero merleau-pontiano, ma anche di ambiti disciplinari che lo hanno intersecato o con cui ci sembrava utile farlo intersecare. Tranne rari casi, i loro contributi sono qui raccolti nella lingua in cui sono stati presentati, seguiti dal riassunto nell’altra lingua ufficiale del convegno, secondo la tradizionale impostazione di Chiasmi International, di cui con questo volume riprende la pubblicazione dei “quaderni”.

 

Testi di Matteo Bonazzi, Mauro Carbone, Fulvio Carmagnola, Anna Caterina Dalmasso, Roberto Diodato, Antonino Firenze, Simone Frangi, Manlio Iofrida, Galen Johnson, Federico Leoni, Maurice Merleau-Ponty, Andrea Pinotti, Pierre Rodrigo, Emmanuel de Saint Aubert, Davide Scarso, Luca Vanzago, Lorenzo Vinciguerra, Jean-Jacques Wunenburger.

 

per saperne di più

 

Novità in libreria
 L'empreinte du visuel
Merleau-Ponty et les images aujourd'hui

 

carbone_empreinte.png

 

 

Toujours déjà expressif, habité par la dimension du langage au moment même de l’expérience, le «visuel» est un champ à part entière où se croisent réel et imaginaire, et donc une nouvelle forme de compréhension de notre rapport au monde. En ce sens, les derniers travaux de Merleau-Ponty, par leur réflexion sur la question du visuel, remettent en cause la plupart des catégories par lesquelles nous avons coutume de «nommer» notre rapport au monde. Cette problématique se révèle particulièrement importante aujourd’hui. Le développement continu des technologies optiques et médiatiques ne cesse d’ouvrir nos existences à des formes inédites de visualisation et d’expérience, et impose une compréhension renouvelée du statut contemporain des images.
Convaincus que la pensée du dernier Merleau-Ponty peut contribuer de manière décisive à saisir ces enjeux, les dix auteurs des interventions recueillies dans ce volume – des philosophes ainsi que des spécialistes internationaux des médias provenant de six pays différents et de trois continents – proposent une réflexion collective particulièrement homogène et novatrice autour des croisements entre les notions de «visible» et de «visuel».

 

Textes d’Emmanuel Alloa, Mauro Carbone, Anna Caterina Dalmasso, Oliver Fahle, Galen A. Johnson, Stefan Kristensen, Benjamin Labé, Pierre Rodrigo, Vivian Sobchack, Luc Vancheri.

 

per saperne di più

 

 

Sulla Revue philosophique de Louvain (Vol. 110, No 4, 2012) un articolo di Arthur Cools dedicato al volume La chair des images di Mauro Carbone.

 

Per leggerlo, cliccare qui.
 


 

Nel deserto di Manhattan

 

Durante questa settimana a New York iniziata con l'arrivo di Sandy, ho abitato a Brooklyn. Per raggiungere la biblioteca tutti i giorni ho dovuto attraversare a piedi il ponte e poi la parte bassa di Manhattan, che si è trasformata in un desolato deserto urbano. Manca l'elettricità e a Soho, a Chinatown, nel Greenwich village, a Little Italy tutti i negozi sono chiusi. Poca è la gente in giro, soprattutto turisti smarriti, visto che nessuno sa dare indicazioni. I poliziotti si limitano a dirigere il poco traffico. Qualche intraprendente si è messo a cucinare col barbecue in strada per vendere cibo e acqua ai viandanti affamati. In Union Square hanno dovuto organizzare una distribuzione gratuita di ghiaccio. Quando scende il buio, diventa persino molto peggio: gli autobus non s'inoltrano più nella zona perché non funzionano i semafori, i poliziotti diventano rari fino a sparire del tutto e anche i taxi sono restii ad attraversarla. Si gira con in mano torce elettriche o quei cerchi fosforescenti che si acquistano dagli ambulanti nelle fiere. Qui, invece, te li vedi allungare nel buio dai camerieri di qualche ristorante che sorridendo si raccomandano "Safety first!". Sarebbe stato così anche senza l'11 settembre 2001?



 


Pagina 4 di 16

Novità

In Libreria

chiasmi_20_cover.jpg


copertina_libro_cinese.jpg


copertina_libro_cinese.jpg


copertina_numero_1_ok.png


chiasmi_small.gif


chiasmi_small.gif


chiasmi_small.gif


chiasmi_small.gif





amore_e_musica_4f0d7a17da435.jpg





clicca qui per l'introduzione



***

Ultima NEWSLETTER [NOVEMBRE] - Laboratoire permanent de recherche Vivre par(mi) les écrans.

Link

Mauro Carbone

« Il corpo, il cinema, lo schermo»

*

Dipartimento di Filosofia e Comunicazione dell'Università di Bologna

febbraio 2017

Video disponibile qui

Link (2)

Mauro Carbone

« Variazioni sulla tecno-estetica»

*

22 maggio 2015

Locandina_seminario_Simondon.jpg

L'audio è disponibile qui

Chi è online

 18 visitatori online