consigli di lettura per l'estate

E’ appena uscito in italiano un libro del vulcanico filosofo e psicoanalista di Ljubljana Slavoj Žižek. Abita a pochi chilometri dall’Italia, ma da noi non è ancora molto conosciuto. Eppure insegna anche a Londra e negli Stati Uniti è una star. Ogni suo libro è un'inesauribile miniera di idee, intuizioni, suggestioni con cui si può magari anche non essere d’accordo, ma che senz’altro producono sempre lo stesso benefico effetto: danno da pensare. Qualcuno obietterà che d'estate pensare no grazie? Attenzione: Žižek è tutt'altro che un autore concettoso, parola che sembra inevitabilmente richiamare la rima con noioso! Il libro appena uscito s'intitola Leggere Lacan. Guida perversa al vivere contemporaneo (Bollati Boringhieri, Torino 2009), ma non occorre essere interessati al pensiero di Lacan per trovarlo molto stimolante. A capirlo bastano i titoli di alcuni suoi capitoli, come “Lacan spettatore di Alien” o “Lacan spettatore di Casablanca”. Perché Žižek ha la straordinaria capacità di leggere la nostra epoca così confusa attraverso film, libri o canzoni che tutti conosciamo. Addirittura attraverso barzellette, slogan, spot pubblicitari! Perciò, anche se non siete interessati a leggere Lacan, leggete Leggere Lacan. Ne uscirete con qualche idea in più per leggere voi stessi e la vita di noi tutti oggi.

Mauro Carbone


inoltre, a questo indirizzo potete trovare la presentazione-recensione di Antonio Gnoli, giornalista di La Repubblica, del testo Leggere Lacan. Guida perversa al vivere contemporaneo, apparsa sul quotidiano il 4 luglio 2009.

 

***

 

Vivere
amare
conoscere
avere
una sola cosa
è prigione.

Vivere una sola vita
in una sola città
in un solo Paese
in un solo universo
vivere in un solo mondo
è prigione.

Amare un solo amico,
un solo padre,
una sola madre,
una sola famiglia
amare una sola persona
è prigione.

Conoscere una sola lingua,
un solo lavoro,
un solo costume,
una sola civiltà
conoscere una sola logica
è prigione.

Avere un solo corpo,
un solo pensiero,
una sola conoscenza,
una sola essenza
avere un solo essere
è prigione.
1




1 N. Ngana, “Prigione”, in  Id., ÑindôNero, Anterem Edizioni Ricerca, Roma 1994, pp. 134-135.

 
Stampa E-mail
Sabato 23 Maggio 2009 18:47

 A questo indirizzo potete trovare la recensione di Tommaso Tuppini del volume di Mauro Carbone Sullo schermo dell'estetica, apparsa sulla rivista on-line Secretum. Scienze, saperi, forme di cultura.

 
Stampa E-mail
Venerdì 15 Maggio 2009 15:01



Maurice Merleau-Ponty
LE AVVENTURE DELLA DIALETTICA

(2009, Mimesis Edizioni)


Introduzione

di Mauro Carbone


versione pdf


Le avventure della dialettica è stato definito il “libro maledetto” di Merleau-Ponty1: quello che lo fece diventare l’uomo dei malheurs – le “disgrazie”, le “sciagure”, i “guai”, insomma – rudemente castigati dagli intellettuali del Partito Comunista Francese. Pubblicato da Gallimard nell’aprile 1955, esso fu infatti bersaglio di una durissima reazione da parte del P.C.F., allora impegnato a opporre tutto il suo dogmatismo all’incipiente crisi del marxismo staliniano, nello stesso anno indicato da Raymond Aron come L’opium des intellectuels2. In risposta alle posizioni assunte da Merleau-Ponty, il 29 novembre di quell’anno si tenne perciò a Parigi un convegno cui parteciparono alcuni tra i più noti filosofi comunisti, ovviamente non tanto interessati a discuterle quanto a screditarle. Eppure proprio Merleau-Ponty nell’immediato secondo dopoguerra, quand’era di fatto direttore politico di “Les Temps Modernes”, nel suo primo libro d’intervento in tale ambito – Umanismo e terrore – aveva professato “nei confronti del comunismo un atteggiamento pratico di comprensione senza adesione e di libero esame senza denigrazione”.3

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.111213141516171819Succ.Fine»

Pagina 14 di 19